Mettici la mano
Antonio Milo, Adriano Falivene ed Elisabetta Mirra

paolo cevoli
Una produzione Gianpiero Mirra per Diana Or.I.S. s.n.c.
di Maurizio De Giovanni
scene Toni di Pace
costumi Alessandra Torella
musiche originali Marco Zurzolo
disegno luci Davide Sondelli
regia Alessandro D’Alatri
 
Primavera del 1943, Napoli. Una tarda mattinata di sole viene squarciata dalle sirene: arrivano gli aerei alleati e il pericolo di un nuovo e devastante bombardamento. La scena è uno scantinato che fa da rifugio improvvisato. In un angolo del locale c’è una statua della Madonna Immacolata miracolosamente scampata alla distruzione di una chiesa. È qui che si ritrova una strana compagnia, riunita dalla necessità di riparo: Bambinella, un femminiello che sopravvive esercitando la prostituzione e che conosce tutto di tutti, il Brigadiere Raffaele Maione e Melina, una ventenne appena arrestata per aver sgozzato nel sonno il Marchese di Roccafusca, di cui la ragazza era la cameriera. Mentre fuori le voci della gente si trasformano in un pauroso silenzio e poi nel progressivo avvicinarsi del fragore delle bombe, il dialogo tra i tre occupanti del rifugio si fa sempre più profondo e serrato, con una serie di riflessioni sulla vita, la morte, la giustizia, la fede, ma anche la fame e l’arroganza del potere. Mentre apprendiamo cosa sia realmente accaduto nel palazzo di Roccafusca e perché, Bambinella si trasformerà in un avvocato difensore e Maione nell’accusa di un processo che vedrà nella statua di gesso un giudice silenzioso ma accorato.

Foto

Domenica 12 marzo 2023
Ore 18

Acquista online

Incluso negli abbonamenti:
IL CONTEMPORANEO

Foto

Calendario Eventi